Home » Gnamburger di Capodanno
Odissea nelle Spezie

Gnamburger di Capodanno

gnamburger1

Se non fosse che non so manco io potrei spiegare questa ricetta come la madre di tutte le cover culinarie oltre a definirla la supercazzola della gastronomia.

Insomma, va che a mezzanotte non ho mangiato lenticchie, neanche cotechino. Stavo nel bel mezzo di un bosco, una terra di mezzo welschtirolese, con Nicoletta, Lorenza, Loris e i cuccioli. Si doveva arrivare ad una baita ma uno strambo fuso orario ha manomesso il marchingegno encefalico e ha rallentato il passo. A mezzanotte scambi di baci e auguri mentre le stelle stavano a guardare e si sbirciava con malcelato terrore tra felci e abeti l’arrivo dell’orso. Il giorno dopo ho immediatamente sovvertito l’ordine dei numeri dispari e ho concepito un gnamburger davvero squisito…

GNAMBURGER DI CAPODANNO

COSA SERVE

Pasta sfoglia, lenticchie, cotechino, Landjäger Villgrater o Kaminwurzen (i salamini affumicati tirolesi), salsa di pomodoro, sedano, carota, aglio rosso, cipolla, radicchio trevigiano, olio evo, aceto di mele, alloro, concentrato di pomodoro, sale, pepe, vino bianco.

COME SI FA

Serve soprattutto una presa di ironia, un pizzico di maestria vissaniana e follia qb. A questo punto ho cotto il cotechino rigorosamente fresco e protetto da carta argentata in pentola a pressione per circa 40’ e l’ho poi lasciato raffreddare.

Nel frattempo ho cotto anche le lenticchie, quelle piccoline, umbre, di Castelluccio di Norcia, per quasi un’ora e senza ammollo e con alloro, sale e pepe. Ho tagliuzzato la cipolla, il sedano, e la carota (ho usato quella di colore chiaro, con il ciuffo…) e fatto soffriggere in poco olio evo, ho unito l’aglio schiacciato e ho versato un quarto delle lenticchie. Ho unito la salsa di pomodoro e i salamini tirolesi tagliati a pezzetti. Ho unito un po’ di vino bianco e lasciato cuocere per un quarto d’ora circa e ho quindi lasciato raffreddare.

Ho dunque steso la pasta sfoglia e formato dei dischi, riempiti con le lenticchie sfumate e condite, richiusi e messi in forno insieme al cotechino tagliato a dadini. Ho lasciato riscaldare a 180° per circa 15’, ho poi sistemato il gnamburger nel piatto sopra una cucchiaiata di lenticchie bollite a cui ho aggiunto un cucchiaino di concentrato di pomodoro.

Ho sistemato i pezzetti di cotechino e ho guarnito con il radicchio trevigiano condito con sale, pepe, aceto di mele e olio evo. Ecco fatto. Avrò anche snobbato la tradizione delle lenticchie di mezzanotte ma con questa ricetta mi sono procurato per il 2014 una scorta di fortuna e copiosa pioggia di denaro non tassabile.

Nicoletta a questo annuncio ha risposto scuotendo la testa e pregando gli dei di assicurarmi buona salute e ha dato voto nove al folle piatto corteggiato anche da Ducasse (il Conte di Maldoror).

COSA BERE

Mentre cucinavo ho sorseggiato bollicine con foglioline di menta e gocce di sambuco. Poi, a tavola, ho orgogliosamente portato un Amarone stappato tre ore prima. Domini Veneti, Vigneti di Jago: Corvina 70%, Corvinone 15%, Rondinella 15%. L’ho versato in bicchieri molto grandi. Il colore rosso carico, vigoroso con tonalità un po’ violacee, il profumo che spande spezie, aereo, puro, con effluvi di vaniglia che en passant ricordano l’uvetta passita e il sapore corposo con tannini dolci che danno leggerezza e stile hanno accompagnato la serata facendo un baffo alla rimozione del contenuto… La bottiglia vuota non è che orgoglio. Nicoletta poi mi ha confessato di averne bevuto solo sette sorsi, l’equivalente di mezzo calice. Tutto il resto, come direbbe Amleto, è silenzio. Accidenti.

Flavio Pedrotti Moser

La mia Rubrica è : ” Odissea nelle Spezie ” !

Siamo tutti diventati navigatori nello spazio culinario, alla ricerca di ricette  per languori sempre più esigenti.Io ne ho provate di ricette, fusioni che molti cuochi non potrebbero immaginare, cibi e vini da convivio in fiamme al largo dei bastioni di Origano e ho visto microonde balenare nel buio vicino alle porte della cantina. Ecco dunque proporvi ricette trovate nelle sinuosità più oscure della esperienza enogastronomica…

Mosaic'On Promotori d'Immagine
 

Add Comment

Click here to post a comment

Categorie Notizie