Home » Storia e ricetta del Bellini
Ricette

Storia e ricetta del Bellini

Arrigo Cipriani
Arrigo Cipriani

Il Bellini è un cocktail  di grande eleganza, fresco e molto profumato.

E’ molto semplice da preparare: nettare di pesche e spumante metodo classico o Champagne.

Ricetta semplice, ma geniale: le doti dello spumante, struttura, mineralità e freschezza, vengono arrotondate dalla profumatissima aromaticità delle pesche

Ma da dove viene questa profumatissima ricetta?

Il Bellini ha avuto origine a Venezia nel 1948, in occasione di una mostra di pittura dedicata all’artista veneziano Giovan Battista Bellini a Palazzo Ducale.

cipriani-frontGiovanni Cipriani, fondatore dell’ Harry’s Bar a Venezia, venne incaricato di creare un cocktail per celebrare la mostra, si ispirò così alle tinte purpuree-rosate tipiche del pittore per creare questo incredibile drink, pensò quindi di mescolare succo fresco di pesca bianca con uno spumante tipico della zona. I suoi clienti furono subito attratti da quella bevanda così rinfrescante chiamata “Bellini” – in onore della mostra

Il Bellini è il capostipite di una fortunata famiglia di cocktail: comune denominatore è l’utilizzo di frutta fresca di stagione e vino spumante.

Fondato nel 1931, a due passi da San Marco, l’Harry’s Bar è stato, ed è tuttora, approdo felice di clienti illustri: da Hemingway (il suo tavolo era quello in fondo a sinistra dopo l’ingresso) a Truman Capote, da Orson Welles ad Aristotele Onassis e Maria Callas. Combinazione perfetta di servizio squisito e deliziosa cucina italiana, Harry’s Bar divenne lo standard del lusso e da oltre 70 anni attira clienti da tutto il mondo. Oltre al Bellini, un altro grande contributo all’arte gastronomica italiana di Giuseppe Cipriani è stato il carpaccio di manzo.

harrys-bar-bellini-640x426Ricetta:

3/10 pesca bianca ( passata al setaccio con la buccia )
7/10 spumante brut (meglio se Prosecco)
Versare gli ingredienti direttamente nel bicchiere

I consigli del barman:
Utilizzare rigorosamente frutta di stagione al giusto grado di maturazione e pulirla molto bene. Spremere la frutta con la buccia, a mano e delicatamente, aggiungere del limone (con funzione anti-ossidante). Se il colore è troppo chiaro si può aggiungere qualche goccia di succo di lampone.
I bicchieri devono essere ben freddi, come il succo di pesca e lo spumante. Se preparato a regola d’arte è un cocktail di grande eleganza, fresco e molto profumato.

Buon aperitivo.

Fonte: http://www.intravino.com/

Mosaic'On Promotori d'Immagine
 

Add Comment

Click here to post a comment

*

Categorie Notizie