Home » La Semplicità di Alessandro Borghese
Cultura Enogastronomia

La Semplicità di Alessandro Borghese

La Semplicità … leggerete spesso questa parola perché è quella che esprime perfettamente le caratteristiche che si incontrano andando a trovare Alessandro Borghese e non posso fare a meno di usarla.

Andare a cena da ‘Alessandro Borghese – il lusso della semplicità Venezia’, per l’appunto, è una vera e propria esperienza. Già solo “l’andare a Venezia” è un’esperienza, mi dirai tu. Si, è proprio vero, perché tutto è speciale a Venezia, ma qui l’effetto è amplificato. Mentre è una cosa usuale arrivare al ristorante in taxi a Milano o Roma per esempio, a Venezia prendere il taxi aggiunge fascino alla serata. Dal motoscafo puoi goderti il primo tratto del Canal Grande e non c’è da stupirsi se ti senti elettrizzato mentre la barca punta verso l’imponente facciata di Ca’ Vendramin Calergi.
La cosa che colpisce di più appena arrivati al ristorante è la cordiale semplicità che riflette lo splendido giardino sul Canal Grande, la puntuale semplicità dell’accoglienza del personale, l’accurata semplicità dei tavoli apparecchiati e la lussuosa semplicità degli ambienti interni.
Fa un certo effetto vedere lo Chef in giardino salutare clienti e amici con cordiale semplicità e che emozione incontrarlo di persona.
Mentre parlavamo di Venezia, da me sollecitato, mi è parso di cogliere una particolare luce nei suoi occhi: “è un posto meraviglioso, è la città dell’amore, anche mio e di mia moglie …”, mi ha raccontato, “… e un giorno ci siamo detti chissà se riusciremo ad aprire qualcosa qui a Venezia”.

Beh, direi che questo momento è arrivato, lo Chef ha realizzato il suo sogno, e per di più in una location delle più favolose: “Una scommessa fatta tanti anni fa che si realizza … ogni tanto mi guardo intorno e mi sorprendo da solo … ma veramente?” mi confessa guardandomi con una delle sue intense e simpatiche espressioni che abbiamo imparato a conoscere seguendolo in tv.
E proprio a partire dal 5 settembre, lo Chef ci mostrerà il suo locale e la bellissima Venezia che lo ospita, durante le puntate di Celebrity Chef che andranno in onda su Tv8.

Oltre che alla comunicazione televisiva Alessandro Borghese ha puntato sul ristorante con la sua presenza “in carne ed ossa” come dice lui “sperando che Venezia mi accolga nel migliore dei modi”.
‘Alessandro Borghese – il lusso della semplicità Venezia’ inoltre dedica ampio spazio all’arte contemporanea, sia a Milano che a Venezia, con la mostra “Shape”, inaugurata il 3 settembre.
Infatti, disseminate nel locale si possono ammirare le opere di artisti contemporanei
quali Francesco Di Luca e Riccardo Gusmaroli, artisti già presenti nel ristorante di Milano, e David Reimondo, Davide Serpetti e Alessandro Antonucci, tutti accomunati da passione, dedizione, creatività e metodo.
Si tratta del primo evento a tema artistico ospitato nel suo locale qui a Venezia, primo di una serie di eventi che lo Chef ha già fissato nel suo calendario, perché “… ci piace il bello, ci piace l’arte e le emozioni che ci dà, soprattutto in una città come questa.”

Mentre mi raccontava i suoi progetti lo Chef Borghese era carico di entusiasmo e mi è parso impaziente di portare avanti il suo programma.
Mi spiega che questo è il momento di dedicarsi semplicemente alla cucina e ad accogliere i veneziani e il pubblico limitrofo che vuole cenare da lui, e conclude che “… quindi ci dedicheremo alle persone!”.
Non ho la competenza per parlarvi della cucina e commentare il suo menù. Posso solo dirvi che propone piatti della tradizione rivisitati con semplicità, che io personalmente ho apprezzato moltissimo: io voto dieci.
Attenzione però nulla è ancora deciso perché manca il tuo voto che potrebbe confermare o ribaltare la situazione … Sali in barca e … vai a trovarlo.

di Maria Cristina Bernardi

Alessandro Borghese – il lusso della semplicità
Cannaregio, 2040 – 30122 Venezia (Italy)
Tel. +39 0413086070
mail: venezia@alessandroborghese.com

Mosaic'On Promotori d'Immagine
 

Iscriviti alla newsletter

Categorie Notizie

Categorie prodotto