Home » 7 buoni motivi per visitare la Moldova

7 buoni motivi per visitare la Moldova

Siete mai stati in Moldova? Nel cuore dell’Europa c’è un paese sorprendente e ospitale con spettacolari cantine. Il territorio della Moldova sulla mappa è come un piccolo grappolo d’uva maturo incastonato tra Ucraina e Romania. Se amate portare a casa dai vostri viaggi non soltanto souvenir, ma anche emozioni indimenticabili e racconti unici da condividere con gli amici, questo paese vi sorprenderà e vi entusiasmerà.

Persone e senso dell’ospitalità

Sono le persone a rendere la Moldova un paese davvero speciale! Qualsiasi sia la parte della Moldova che avete deciso di visitare, preparatevi a fare degli incontri emozionanti. Quando entrerete in un villaggio moldavo, quasi senza accorgervene vi ritroverete seduti a tavola con il padrone di casa che vi offre del vino speziato. La tradizione culinaria moldava vi sorprenderà per la sua ricchezza, semplicità e sincerità. Potrete assaggiare la saporita Zeamă , una zuppa con pasta fatta in casa, oppure la Mămăliga, un porridge solido di farina di mais che viene tagliato con un filo.
La calorosa e ospitale Moldova vi conquisterà, anche attraverso i suoi sapori, la Mămăliga si gusta con formaggio locale, panna acida e Tocană. La Plăcinta invece si prepara con una pasta sottile farcita con una varietà di ripieni: cavolo, formaggio di malga, mela, zucca e ciliegie.

Vino, vino e ancora vino!

Il vino è l’orgoglio del popolo moldavo, e rende unico questo paese, il vino e l’enoturismo danno lavoro a un quarto della popolazione attiva in Moldova, il quasi neonato business enoico coinvolge il 3% del Pil e il 7% dell’export. Così la Moldova – ufficialmente Repubblica di Moldavia, indipendente dal ‘91 – punta molto sul turismo del vino e sulla qualità della sua produzione ogni anno.
In ottobre, la Giornata Nazionale del Vino si celebra nella piazza centrale della capitale. Le migliori cantine accolgono i visitatori e li accompagnano nelle scoperta dei loro prodotti.
L’atmosfera di questa festa è davvero coinvolgente, e il numero di vini che potrete degustare vi sorprenderà! La danza, l’allegria e la degustazione dei piatti tradizionali contribuiscono a creare quest’atmosfera speciale, e la varietà di prodotti proposti dalla cantine della Moldova è una sorpresa anche per i più esperti e appassionati. In Moldova è anche possibile visitare cantine con decine di chilometri di tunnel sotterranei dove viene conservato il vino: una di queste è stata inclusa nel Guinness World Record come “più grande collezione di vini al mondo per numero di bottiglie”! Vi sembrerà incredibile che in un paese così piccolo ci possano essere così tante attrazioni.
Ma andiamo a scoprire le Cantine, tra le più attraenti c’è Cricova, una grandissima azienda statale con una ragnatela di 120 km di gallerie (80 per il vino, 40 come miniera) che scendono fino a 100 metri di profondità nel sottosuolo. All’interno i turisti (ben 70mila l’anno, dunque sugli standard delle migliori cantine-turistiche italiane e non solo) si muovono in pulmino… La storia enologica di Cricova comincia negli anni del proibizionismo russo, quando la miniera fu utilizzata per nascondere le bottiglie. Scelta da Putin per festeggiare il suo compleanno si narra anche che il famoso astronauta russo Yuri Gagarin, perdendosi tra le immense gallerie, fu ritrovato ubriaco il giorno successivo.
Ma la più grande di tutte, la più grande del mondo per il Guinness dei Primati, è Mileştii Mici, a 20 km dalla capitale Chișinău: stipa 2 milioni di bottiglie in una trama di 120 km sotterranei, su un totale di 250. Fondata nel 1827 Purcari non ha queste dimensioni ma è tra le più apprezzate cantine grazie a etichette come il Negru de Purcari. Di recente, forte delle sue 50mila visite l’anno, si è organizzata con percorsi di wine&bike tra le vigne e ha aperto camere a forma di botte per l’ospitalità. Porta invece la firma del designer italiano Arnaldo Tranti la cantina Castel Mimì, raffinata destinazione enoturistica: pernottamento in camere di design e ristorante gourmet con orto dedicato alla cucina rivisitata della chef Svetlana Baranova.

Cricova – European Wine City Dionisio 2020-2021

A Maggio 2021 RECEVIN-European Network of Wine Cities group ha votato all’unanimità la decisione di prolungare il mandato ′′ Cricova – European City of Wine Dionis ′′ per il 2021, titolo ottenuto nell’autunno 2019.
Il vino viene percepito come un prodotto strategico, che, oltre a portare la fama della Moldavia al mondo, è anche la base del turismo moldavo. Oggi, intorno all’enotourismo, un’industria molto importante per il paese si sta preparando. I vini moldavi vengono premiati nelle più importanti competizioni del mondo, a partire dalla Cina e raggiungono il Canada.
Segue l’articolo:
 http://gazetabasarabiei.com/cricova-oras-european-al-vinului-dionis-2021/?fbclid=IwAR1kKonYTImGMFQkgEz8M7tODhvkaoaKQOCqSgThwXkSLLpqKflor2aVlCI

Originalità

Ogni angolo della Moldova ha un “colore” locale unico! Nel sud del paese si trovano i Găgăuzi, una nazione autonoma con una propria cultura, storia e tradizione, anche culinaria: a soltanto un’ora di strada dalla capitale Chisinau è come immergersi nell’atmosfera di un altro paese. Sulla sponda sinistra del fiume Dniester si trova la Transnistria, un territorio in cui il tempo sembra essersi fermato. Visitare la Transnistria sarà come trovarsi nella vecchia USSR. Non può mancare un visita al complesso storico di Orheiul Vechi, con i suoi monasteri scavati nella pietra e il suo antico eremo. Nessun turista può perdere la visita a questa pittoresca vallata. Inoltre, se avete la curiosità di conoscere da vicino l’etnia rom, dovete assolutamente visitare il nord della Moldova, e raggiungere Soroca. Non potrete dimenticare questo itinerario ricco di colori a contatto con una cultura così particolare. E ovviamente non potete lasciarvi sfuggire una visita alla Riserva di Codrii con i suoi meravigliosi boschi proprio nel cuore della Moldova.

Tempo libero

La natura della Moldova vi ispirerà un approccio attivo e dinamico. Potrete fare rafting nei meravigliosi fiumi, praticare l’arrampicata e il ciclismo. Gli amanti del trekking non possono perdere la foresta di Codrii e le “Emil Racovita Cave”, una delle grotte più lunghe del mondo. Per chi viaggia in auto, è bene sapere che tutti i luoghi più pittoreschi della Moldova hanno aree per il campeggio. Ci sono tour mirati a far conoscere a fondo la cultura e le tradizioni della Moldova, e potrete toccare con mano l’artigianato locale e immergervi nell’atmosfera dei piccoli villaggi rurali.
I collegamenti stradali da un punto all’altro del paese sono generalmente brevi, e potrete così dedicarvi interamente alle vostre attività preferite.

Sicurezza

Potrete tranquillamente passeggiare nei centri urbani o fare delle escursioni in campagna senza limiti di orario, poiché la Moldova è uno dei paesi più sicuri d’Europa. Inoltre, una connessione internet molto conveniente è disponibile in tutto il paese, con una velocità di banda che pone la Moldova tra i paesi leader insieme al Giappone e alla Lettonia. Nei parchi cittadini, nei cafe e anche nei trasporti pubblici potrete sempre connettervi al Wi-Fi gratuito, per condividere con chi è rimasto a casa l’emozione di scoprire la Moldova.

Attività particolari

Concerti, festival e maratone, ogni anno, riuniscono gli abitanti della Moldova. Il festival “Ethno Jazz” che richiama musicisti da tutto il mondo, il festival “DescOpera”, la “Underland Fest”, il festival dei colori, così come le maratone organizzate nelle cantine, vi regaleranno emozioni indimenticabili.

Potete raggiungere la Moldova in aereo, atterrando nella capitale Chisinau, in auto e persino con il ferry, attraverso il porto meridionale sul Danubio.

Questo articolo ha come fonte      http://www.moldova.travel/it/      https://www.gamberorosso.it

Segnaliamo la nuova  Guida Verde “Romania Moldova” del Touring Club Italiano. Si tratta della prima edizione della storica guida della Romania con annessa la Repubblica di Moldova. E’ la prima guida italiana dedicata a questo piccolo Paese dell’Europa orientale che ne consolida la presenza tra le destinazioni turistiche nel mercato italiano.

Dopo tre anni che seguo la comunicazione della Moldova in Italia, sono molto felice di questo traguardo al quale ho contribuito personalmente scrivendo il testo della guida con l’aiuto di Tino Mantarro per quanto riguarda la Transnistria.

Nadia Pasqual
Marketing & PR Italia
National Inbound Tourism Association of Moldova (ANTRIM)
nadia.pasqual@markpr.it
www.moldova.travel/it

Mosaic'On Promotori d'Immagine
 

Categorie Notizie