Home » Pastissada de manzo con il Vino Raboso
Ricette

Pastissada de manzo con il Vino Raboso

carne

La Pastissada de manzo è un’antica ricetta veneta, sembra che la sua ricetta sia originaria del veronese, vedi la più famosa pastissada de caval.

Anche in questo caso esistono numerose varianti della ricetta, e qui di seguito, vi propongo la mia ricetta di famiglia e , come vino ho abbinato un vino prodotto nel mio paese.

Ingredienti per 6 persone:

• 1 kg. di manzo
• 1 vasetto di pomodoro del Piennolo
• 500 ml. di vino raboso
• 1 cipolla bianca di Chioggia
• 1 fettina di lardo
• 1 carota
• 1 spicchio d’aglio
• 1 costa di sedano verde
• ½ limone bio
• 2 chiodi di garofano
• un pizzico di cannella
• rosmarino, salvia , alloro
• sale fino
• pepe nero Ariosto
• olio extra vergine di oliva AlmaverdeBio
• 400 gr. di farina di mais integrale Valier

Procedimento: fare un trito con la cipolla, il lardo, il sedano e la carota, farlo rosolare per alcuni minuti, poi aggiungere la carne e farla rosolare, aggiungere lo spicchio d’aglio con i due chiodi di garofano conficcati, la salvia, il rosmarino, l’alloro e il mezzo limone diviso in 2 spicchi. Quando la carne avrà preso un bel colore, versarci sopra il vino e i pomodori del Piennolo, coprire il tegame e dopo alcuni minuti spegnere il fuoco. Lasciar riposare il tegame in un luogo fresco per almeno 12 ore, l’ideale sarebbe una notte intera. Questo particolare procedimento dona alla carne un sapore forte e molto particolare. Per questa ricetta consiglio di usare un tegame di coccio che abbia le stesse dimensioni del pezzo di cane, e dai bordi alti, perché la carne durante le ore di riposo deve essere completamente coperta dal liquido.

La mattina seguente rimette il tegame sul fuoco e fatelo cuocere a fuoco dolce per almeno 2 ore , 2 ore e mezzo. Quando la carne sarà tenera, lasciarla intiepidire , poi affettatela e rimettetela nel sugo caldo, lasciandola insaporire per alcuni minuti, prima di servirla.

Questo piatto come da consuetudine viene abbinato alla polenta.

Procedimento: portate a bollore l’acqua , aggiungete il sale grosso e la farina di mais a pioggia, mescolate molto velocemente onde evitare il formarsi di grumi, e fate cuocere per 50 minuti, mescolando spesso. Al termine incorporate un filo di olio extra vergine di oliva.
Versate la polenta su un paiolo, poi con l’aiuto di un coppapasta ovale della Guardini ricavate delle forme ovali, che poi dividerete a metà realizzando degli spicchi.

Vino consigliato: Raboso IGT delle Venezie

Vitigno autoctono della Marca Trevigiana, ( che viene prodotto in tutto il Veneto Orientale ) con testimonianze che ne attestano la presenza fin dal 1600, il Raboso produce un vino di grande stoffa, adatto ad un lungo invecchiamento e da sempre legato alla cultura e alle tradizioni contadine delle terre ove viene prodotto. Il Raboso è un vitigno rustico a maturazione tardiva. Il grappolo è compatto, abbastanza grande e di forma cilindrica .
La polpa è caratteristica: astringente, dolce-acidula.
Il colore rosso rubino carico con riflessi granati. Il bouquet ricorda la marasca,la mora di rovo, la violetta e la prugna: un sentore di erbe aromatiche. Da serivire a 16-18° C.
Abbinamenti : da giovane è ottimo con le grigliate e la carne di maiale in generale ; quando acquisisce complessità ed è ottenuto da una grande annata diventa perfetto per la selvaggina, le carni stufate i formaggi stagionati e saporiti.

Questa ricetta è del Blog di Daniela e Diocleziano :  http://danieladiocleziano.blogspot.com/2012/01/pastissada-de-manzo-con-il-vino-raboso.html

  

Mosaic'On Promotori d'Immagine
 

Add Comment

Click here to post a comment

Categorie Notizie