Home » Giacomo Casanova, il grande seduttore
Scopriamo Venezia

Giacomo Casanova, il grande seduttore

locandina-film-casanova

Il 2 Aprile è l’anniversario della nascita di una delle figure italiane più celebrate dal cinema e  della letteratura: Giacomo Casanova.

La sua fama non ha solo oltrepassato i confini geografici, ma quelli cronologici e addirittura quelli etimologici. Stiamo parlando di Giacomo Casanova, il più grande seduttore della storia, il cui anniversario della nascita cade il 2 aprile. ‘Casanova’ non è più un semplice cognome, ma una parola che si trova nei dizionari e sta a significare ‘chi ha successo con le donne, donnaiolo’ (Garzanti Linguistica): il suo nome è dunque divenuto un termine di uso comune, sinonimo di seduzione al maschile. Ma da dove proviene tutto ciò?

Giacomo Girolamo Casanova – nato nel 1725 e morto nel 1798 – fu un avventuriero, uno scrittore, un poeta, addirittura un agente segreto, e condusse una vita di viaggi, dissolutezze, sregolatezza, agi che spesso erano al di sopra delle sue possibilità economiche (trovava sempre chi era pronto a pagare per lui). Visse in molte città europee, al servizio di diverse corti, ma è Venezia la sua città Natale e quella a cui lo si associa universalmente. Fu un libertino, sedusse cortigiane, attrici, dame della nobiltà e serve, prostitute e monache, tanto che venne addirittura imprigionato presso I Piombi accusato di libertinaggio, oltraggio alla religione, e istigazione alla massoneria, carcerazione che si concluse con una rocambolesca evasione, seguita da un necessario esilio in giro per l’Europa (Parigi, Madrid, Paesi Bassi, Russia, Polonia, Austria, Svizzera), spesso sotto le spoglie di agente segreto al soldo della corte francese. Tornò a Venezia dopo diciotto anni di peregrinazioni, durante le quali ebbe modo di incontrare alcuni dei personaggi più rilevanti del ‘700, da Voltaire a Rousseau, da Mozart a Madame de Pompadour, e avere accesso diretto ad alcuni dei sovrani più importanti dell’epoca, come Caterina II di Russia, Federico II di Prussia. Ritornato nella città lagunare, si offrì di lavorare come spia per gli stessi inquisitori che anni prima lo avevano incriminato pur di essere graziato.

Insomma la sua vita fu ricca e densa di peripezie, ma non è tanto per quelle che Casanova è ricordato, quanto per le avventure di carattere ‘piccante’. Che fosse un libertino già era noto (tentò sia la carriera ecclesiastica che quella militare, ma i suoi appetiti sessuali gli impedivano la disciplina richiesta), ma è soprattutto postuma la sua nomea. Come scrittore non ebbe grande successo in vita, anzi il valore delle sue opere letterarie è ancora oggi dibattuto, ad eccezione dell’autobiografia ‘Storia della mia vita’ (Histoire de ma vie), che divenne un caso, postumo, nel mondo della letteratura, del teatro, successivamente della cinematografia europea e intercontinentale. Nella biografia, scritta in francese per arrivare ad un pubblico più vasto e perché trovava i francesi più aperti e tolleranti (fonte: la ‘prefazione rifiutata’ del libro), egli enumera le sue avventure condendole di dettagli sulla sua vita amorosa, arrivando a calcolare più di 120 donne sedotte. Non tante, se paragonate ai numeri di altri grandi seduttori (J.F. Kennedy, George Simenon) ma la caratteristica di Casanova, e quello che lo differenzia dai grandi libertini della storia, era la capacità e la volontà di amare veramente le donne che conquistava: non era tanto il numero delle sedotte, quanto il piacere di amarle, di averle, di essere ricambiato. Per questo lo si mette spesso in antitesi con Don Giovanni il quale, sebbene si tratti un personaggio letterario, viene accomunato a Casanova per il potere seduttivo: ma mentre il primo contava le conquiste come un collezionista, il secondo si appassionava ad ognuna di loro, senza fini numerici.

Questa sfumatura della sua personalità, i mille aneddoti piccanti, la vita avventurosa, fanno di Casanova un soggetto prediletto del mondo del cinema: la filmografia che si rifà alla storia del seduttore veneziano è pressoché infinita, Fellini e Scola sono solo due tra le decine di registi che ne tracciarono la biografia o a lui si ispirarono, mentre tra gli attori che lo hanno interpretato ricordiamo Heath Ledger, Stefano Accorsi, Marcello Mastroianni.

Fonte: http://www.stile.it/

 

Baccarando
Mosaic'On Promotori d'Immagine
 

Categorie Notizie

  • venebimbi.jpg