Home » La Torta Pasqualina
Ricette

La Torta Pasqualina

torta-pasqualina

 

La torta Pasqualina è l’ideale per essere gustata nelle gite fuori porta del giorno di Pasquetta.

E’ una torta salata ripiena solitamente di biete ma anche spinaci o erbette, ricotta e uova, racchiusa in sfoglie di pasta sottili, considerata uno dei piatti simbolo della cucina ligure, diffusa e apprezzata in tutta Italia.

Le origini della torta pasqualina sono molto antiche, infatti veniva preparata già nel 1400, e già allora era strettamente legata al periodo pasquale, da cui prende il nome.

Ingredienti
•    350 gr di bieta
•    150 gr di ricotta
•    50 gr di parmigiano
•    20 gr di pecorino
•    2 confezioni di pasta sfoglia
•    5 uova
•    sale
•    pepe

Preparazione
Pulite e quindi lessate la bieta in una pentola con il coperchio per 5 minuti in acqua salata. Fatto questo, scolatela e strizzatela molto bene.

Preparate il ripieno amalgamando bene la ricotta, con 1 uovo, il parmigiano e il pecorino.  Lavoratelo bene aggiungendo sale e pepe. Quando il composto sarà ben amalgamato, unite la bieta lessata. Potete farlo unendo le foglie così come sono oppure tritarle.

Prendete uno stampo circolare, vanno bene anche quelli in alluminio usa e getta, facendo attenzione che non siano troppo bassi, e foderatelo con la pasta sfoglia. Le dosi di questa ricetta si riferiscono ad una torta del diametro di 20 cm esatti.

Abbiamo utilizzato la pasta sfoglia già pronta, per rendere la ricetta più veloce e poco impegnativa.

Foderato lo stampo, riempitelo con il ripieno di ricotta e bieta, preparato precedentemente. Prima di chiudere, fate 3 piccoli incavi nel ripieno equidistanti l’uno dall’altro. Aprite in ciascun incavo un uovo intero, in modo che durante la cottura diventerà sodo.

Di solito per una torta di medie dimensioni (18/20 cm di diametro) si mettono 3 massimo 4  uova. Regolatevi voi secondo il vostro gusto e la grandezza della torta.

Chiudiamo la torta con un disco di pasta sfoglia sul quale ripiegheremo la sbordatura del disco di base. Spennellate la superficie con uovo sbattuto e pungetela irregolarmente con la punta di una forchetta, magari decorandola con un disegno o una scritta pasquale per renderla più carina.

Infornate a 200 gradi per circa 50 minuti.

Conservazione
Potete conservare la torta pasqualina in frigorifero ben coperta per tre giorni. Una volta cotta e raffreddata completamente la torta pasqualina può anche essere congelata, per comodità potete tagliarla già a fette in modo da scongelare solo le porzioni che vi serviranno. Prima di servirla scongelatela in frigorifero e poi riscaldatela in forno o in microonde.

Curiosità
Come spesso accade nei piatti tipici di origini molto antiche gli ingredienti della torta Pasqualina, uova e formaggio, erano alimenti pregiati che venivano consumati solo nelle grandi ricorrenze.

Persino i carciofi, che nel periodo Pasquale avevano prezzi proibitivi, vennero sostituiti con le più economiche erbette o bietole, da qui l’usanza di preparare la torta Pasqualina a Pasqua solo con questo ortaggio, o con gli spinaci.

Se la tradizione vuole che le sfoglie siano 33 per celebrare gli anni di vita terrena di Cristo, le uova sono il simbolo della rinascita della vita, del ritorno della primavera e della sconfitta della morte.

Al posto della ricotta, in Liguria viene utilizzata la prescinseua genovese, simile alla cagliata, che però è molto difficile da reperire fuori dal territorio ligure.

Fonti: http://ricette.giallozafferano.it/Torta-Pasqualina.html
http://www.ricettedellanonna.net/torta-pasqualina/

 

Le manifestazioni potrebbero subire cambiamenti, pertanto vi consigliamo di verificare l’evento contattando direttamente gli enti organizzatori.
Veneziaeventi.com non è responsabile di eventuali modifiche delle date dei singoli eventi.

Baccarando
Mosaic'On Promotori d'Immagine
 

Add Comment

Click here to post a comment

Categorie Notizie

  • venebimbi.jpg