Home » Red Canzian i miei Vini
Enogastronomia

Red Canzian i miei Vini

Grande appuntamento al Vinitaly 2019, dove il Cantautore Red Canzian, presenterà un inedito progetto, degno prolungamento della sua grande musica, dell’arte, della passione e del gusto.

Dichiara il Cantautore Red Canzian: “Il vino mi ha sempre affascinato, fin da bambino, quando accompagnavo mio padre ad acquistarlo, sfuso, in un “canevon“ vicino a casa; mi piaceva l’atmosfera di quel posto e quel profumo di uva e vendemmia, mescolato all’umidità dell’aria, dove la poca luce definiva appena il profilo delle grandi botti di legno”.

Prosegue: “Poi, negli anni, ho cominciando ad apprezzare il vino, iniziando a bere, poco, ma bene; piano piano mi è venuta la voglia di provare a selezionare un “mio“ vino, qualcosa che avesse le caratteristiche che più amavo e magari, con una “nota“ tutta mia.

Lo volevo dal carattere forte ma non troppo “difficile“: un vino armonico, come la buona musica, quella che avvolge l’anima e arriva al cuore di tutti”.

La poesia, così come nella musica, avvolge il nuovo progetto di Red: “…E pensavo innanzitutto a un vino rosso: rosso come la passione che nutre ogni attimo del nostro vivere… rosso come quel nome che da una vita mi porto addosso!

Così è cominciata l’avventura di Red Canzian: con la moglie Bea hanno iniziato un percorso di ricerca, tra cantine e vigneti delle Venezie, frequentando abili viticoltori.

Volevano innanzitutto capire, avvicinarsi in modo concreto, e sempre con grande rispetto, ad un mondo così lontano dal loro, ma così pieno di tradizione e di cultura della loro terra: sapevamo che quel vino, da qualche parte, lo avrebbero trovato.

Un lavoro durato un bel po’ di tempo, “Un tempo gioioso e, onestamente, per niente faticoso”.  

Alla fine abbiamo incontrato i fratelli Sutto e assieme abbiamo saputo intrecciare le nostre esperienze: la loro sensibilità agricola con la mia passione per tutto ciò che è “armonico“, come dovrebbero essere la vita, l’amicizia e il vino. Per arrivare a questi risultati serve impegno e amore, e in questo, noi tutti, non ci siamo risparmiati!”.

E così quel vino è “nato“: un rosso sincero, morbido come velluto e al tempo stesso deciso come quella terra di “pietre“ dalla quale proviene.

E se l’appetito vien mangiando, probabilmente la sete vien bevendo, ho selezionato anche altri due vini: un bianco strepitoso, profumato, intenso, un vero inno alla gioia… e poi un bollicine DOCG, sempre della mia terra, dal perlage piccolissimo e dal sapore allegro”.

I nomi, davvero emozionali, e le specifiche dei tre vini, saranno comunicati domenica, alle 13.30, quando, al Vinitaly, presso lo Stand di Sutto, nel Padiglione 5, verranno ufficialmente presentati. Le etichette, artistiche ed evocative, sono di Flora Sala, che per 30 anni ha realizzato le copertine degli album dei Pooh.

 

Mosaic'On Promotori d'Immagine
 

Categorie Notizie